La pelle grassa a tendenza acneica

La pelle grassa a tendenza acneica

Abbiamo ormai affrontato il tema della pelle grassa in già due articoli. Nel primo abbiamo imparato a conoscere, scoprendone le varie forme, le cause e gli eventuali rimedi. Nel secondo ci siamo soffermati sulle maschere per il viso, grandi alleate nella lotta contro la pelle grassa.
Oggi ci soffermiamo su uno dei tipi particolari di pelle grassa di cui abbiamo parlato nel primo articolo. La pelle grassa a tendenza acneica, che flagella principalmente gli adolescenti, ma non solo.

Cos’è la pelle grassa a tendenza acneica?

Come ogni altro tipo di pelle grassa, quella a tendenza acneica è caratterizzata dall’eccessiva produzione di sebo. Ne abbiamo già parlato negli altri articoli, ma ripassare non fa mai male. Il sebo, utilizzato dal corpo per lubrificare pelle e capelli, viene prodotto in modo eccessivo, il che comporta generalmente una pelle oleosa e i pori dilatati. Nel caso specifico della pelle grassa a tendenza acneica, la produzione eccessiva di sebo rende la superficie della pelle estremamente fertile per lo sviluppo di punti neri, punti bianchi e appunto all’acne, sintomi che si possono sviluppare sia sul volto che sulle spalle e sul petto. Nei casi più gravi, la pelle grassa a tendenza acneica può portare anche ad arrossamenti e alla formazione di pustole e papule, ma ne parleremo più in là quando approfondiremo i vari tipi di acne.
La seborrea (termine usato per indicare la già citata produzione in eccesso di sebo) è accompagnata da altri fattori che favoriscono lo sviluppo della pelle grassa a tendenza acneica e che, nei casi peggiori, aiutano anche ad aggravarla. In primis l’ipercheratosi, il vero e proprio processo che impedisce di fermare la produzione di sebo. La pelle diventa più spessa e poiché le cellule cutanee morte vengono distribuite irregolarmente, queste finiscono per ostruire le ghiandole sebacee e gli impediscono di chiudersi. A questo punto, il sebo potrebbe solidificarsi creando sulla pelle una superficie cerosa, nella quale vengono intrappolati i batteri. I pori vengono quindi invasi dai microbi che, in quell’ambiente così favorevole, si moltiplicano causando infiammazioni, noduli, cisti e le già citate papule e pustole. Infine si può sfociare nell’infiammazione, che nei casi più gravi esplode rilasciando dalla pelle grassi, lipidi e altre sostanze.

Pelle grassa: le principali forme di acne

Dopo aver imparato le origini della pelle grassa e dell’acne, è importante anche imparare a riconoscerla. Non sempre infatti l’acne si presenta allo stesso modo, anzi, può presentarsi in moltissime forme, più o meno gravi.
La più comune e anche la meno grave è l’acne lieve. Anche detta “comedonica”, questo tipo di acne è comunissima tra gli adolescenti, poiché si sviluppa maggiormente durante la pubertà, ma non per questo si esclude che possa ripresentarsi negli anni successivi. Consiste principalmente in piccoli brufoli che possono apparire sulle guance, sul naso e sulla fronte, ma tra i sintomi troviamo anche punti neri e bianchi e, nei casi più rari, anche qualche papula. Come tutti i tipi di acne, anche l’acne lieve potrebbe lasciare delle cicatrici, anche se ciò è molto raro e se comunque dovesse accadere le cicatrici sono sempre minime.
Subito dopo nella scala di gravità dell’acne troviamo l’acne moderata, anche detta “papustolosa”, proprio a causa del suo sintomo principale. Anche questa è molto frequente durante la pubertà e, proprio come l’acne lieve, affligge principalmente il volto. I sintomi principali, come già accennato, sono le papule e le pustole, insieme ad arrossamenti su varie aree del viso. Con questo tipo di acne le cicatrici cominciano ad essere più comuni, pelle grassa o meno.
Il più grande rischio di avere cicatrici sul volto viene insieme all’acne severa o conglobata. Questo tipo di acne, che si sviluppa nelle stesse aree e nello stesso periodo delle precedenti, è caratterizzato da impurità e visibili infiammazioni sul volto. Queste possono risultare molto dolorose e possono degenerare anche in noduli e cisti.
La forma più grave di acne (e fortunatamente anche la più rara) è l’acne maligna. Simile nei sintomi all’acne severa, l’acne maligna colpisce principalmente gli uomini dai 13 ai 22 due anni, ma può svilupparsi anche in caso di doping intensivo. Le impurità e le infiammazioni si estendono non solo sul volto, ma anche sulla schiena, sul petto e sulle articolazioni, e le persone affette potrebbero anche avere la febbre.

Pelle grassa: forme di acne causate da fattori esterni

Le forme di acne che abbiamo appena analizzato derivano principalmente dallo stesso problema, ovvero la produzione eccessiva di sebo (che è facile trovare nella pelle grassa), e sono ognuna una forma più grave dell’altra. Ma ci sono anche forme di acne causate da fattori esterni, ed è bene conoscere e sapersi difendere anche da quelle.
Una delle più comuni è l’acne escoriata. L’acne può portare ad un grosso stress psicologico, nascondere i brufoli può risultare difficile e anche aspettare che spariscano non aiuta. Per quanto possa risultare frustrante, è importantissimo ricordare che i brufoli non vanno scoppiati, perché oltre a cicatrici e infezioni, questa pratica potrebbe portare ad un tipo di acne più aggressiva. L’acne escoriata si sviluppa infatti sui soggetti che tendono a far scoppiare continuamente i loro brufoli, più facilmente nelle donne. I sintomi sono una degenerazione della semplice acne, e possono far nascere infiammazioni e facilitare la diffusione dei batteri. Questo tipo di acne può colpire anche chi ha la pelle normale ma ha comunque il vizio di toccare e stuzzicare anche le piccole impurità.
Poiché siamo in estate, un tipo di acne che vale la pena di conoscere è l’acne aestivalis, che nasce solitamente dopo l’esposizione ai raggi UV. A differenza degli altri tipi di acne, l’acne aestivalis non si sviluppa sul viso, ma più sul petto e sulla parte inferiore delle braccia. I sintomi comportano un improvviso rossore cutaneo, ma anche la formazione di vesciche e pustole e, nei casi decisamente più gravi, sulla pelle potrebbero presentarsi vaste lesioni emorragiche.

Rimedi

I rimedi consigliati per questo tipo di pelle grassa sono sempre i soliti. Nel nostro scorso articolo vi abbiamo consigliato le maschere per il viso, ma possono essere d’aiuto anche impacchi fangosi, scrub e creme e sieri per pelle impura ed imperfezioni.

Entra nel mondo di Nuvò Cosmetic.
BUONO REGALO DI 10€ SUL TUO PRIMO ORDINE!
"Registrandoti esprimi il tuo consenso a ricevere comunicazioni commerciali di Nuvò Cosmetic. Puoi revocare il tuo consenso in qualunque momento e consultare la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni.

    BUONO REGALO 10€ sul tuo primo ordine!

    bg_image

      "Registrandoti esprimi il tuo consenso a ricevere comunicazioni commerciali di Nuvò Cosmetic. Puoi revocare il tuo consenso in qualunque momento e consultare la nostra Privacy Policy per maggiori informazioni.
      Holler Box